• logo
  • logo1

Palermo, Tares in scadenza

Scritto da alfanomariano on . Postato in Senza categoria

    In vista dell’imminente scadenza nel comune di Palermo della prima rata della Tares, prevista per il prossimo 15 settembre (la rata a saldo dovrà essere versata entro il 15 novembre), il dirigente del settore Tributi ha disposto la riorganizzazione del servizio di sportello e del call center, come da richiesta avanzata dall’assessore Luciano Abbonato e dal sindaco Leoluca Orlando. A partire da lunedì prossimo i giorni di ricevimento ed attività di call center saranno estesi a tutta la settimana con il seguente orario:Lunedì, Martedì, Giovedì e Venerdì dalle ore 9.00 alle 13.00; Mercoledì dalle ore 15.00 alle 17.00. Negli stessi orari sarà possibile contattare l’ufficio tramite i seguenti numeri telefonici: 091.740.4563 – 091.740.4545 – 091.740.4578. Per ottenere chiarimenti e informazioni sul pagamento della Tares, la nuova imposta su rifiuti e servizi che sostituisce la vecchia Tarsu, oltre agli uffici di piazza Giulio Cesare saranno attivate anche otto postazioni decentrate in vista del pagamento della rata a saldo di novembre. Sono state infatti già allertate alcune circoscrizioni per la costituzione degli sportelli. Gli avvisi inviati in questi giorni sono bonari. Ma il mancato versamento entro le date previste, il 15 settembre per l’acconto e il 15 novembre per la rata a saldo, sarà sanzionato secondo quanto previsto dalla legge, ovvero con una maggiorazione del 30 per cento dell’importo non versato. Il bollettino inviato nell’avviso bonario è solo postale, chi vuole pagare on line attraverso la propria banca deve compilare il modulo F24 indicando il codice tributo 3944 denominato Tares. Occorre inoltre ricordare che per il versamento del saldo non verrà inviato alcun bollettino ed il versamento dovrà avvenire in autoliquidazione. In pratica, per quantificare l’importo da versare, occorrerà consultare le tariffe definitive che verrano rese note direttamente sul sito istituzionale del www.comune.palermo.it o in alternativa ci si potrà rivolgere direttamente agli uffici comunali.  

Trackback dal tuo sito.

Lascia un commento